Post
Crescita verde e lavoro: il futuro dell’economia europea passa per Milano
20 milioni di posti di lavoro verdi entro il 2030 con la giusta produttività delle risorse

Milano ha ospitato, il 17 luglio, il primo incontro informale congiunto tra ministri del Lavoro e ministri dell’Ambiente europei. Si tratta di una novità voluta dalla Presidenza italiana di turno del Consiglio dell’Unione europea: per la prima volta infatti durante un Semestre i due temi, ambiente e lavoro, sono stati affrontati nelle stesse giornate di lavoro ed in maniera trasversale. Voluto dai due rispettivi ministri Poletti e Galletti, all’incontro hanno partecipato inoltre i Commissari europei Làszlo Andor, Janez Potocnik e Connier Hedegaard, il Direttore Generale dell’ILO Guy Ryder e il Direttore Ambiente dell’OCSE Simon Upton.
Al centro dei lavori c’è stata la riassegnazione del giusto valore economico al capitale naturale, valore che va di pari passo con il benessere sociale oltre che ambientale.
L’economia verde negli ultimi anni ha visto una forte espansione in Europa con la creazione di milioni di posti di lavoro legati a settori connessi alla produzione di energie rinnovabili, all’efficienza energetica, alla riduzione degli sprechi e allo sviluppo di infrastrutture verdi. La Commissione Ue, già impegnata in un ruolo proattivo nei confronti dello sviluppo dell’economia verde e nella creazione di posti di lavoro, nell’ultimo rapporto redatto parla di circa 4 milioni di “lavori verdi” creati tra il 2002 e il 2011 di cui circa 1 milione generati tra il 2007 e il 2011.
I “green jobs “ indicano dunque un criterio di crescita sostenibile sia dal punto di vista ambientale che economico e possono diventare modelli produttivi altamente efficienti con un adeguato sviluppo tecnologico e di gestione delle risorse stesse.


Il Semestre di Presidenza, hanno dichiarato i due ministri italiani, vuole concretizzare questi indirizzi politici emersi dal dibattito sulla crescita verde e sullo sviluppo di un suo ben definito mercato del lavoro e apportare una revisione della Strategia Europa 2020 al fine mettere in atto la transizione verso una green economy europea.


Qui il rapporto della Commissione europea con i dati aggiornati sui green jobs.

 

Ultimo aggiornamento: giovedì 17 luglio 2014