Post
Unione doganale: accordo Coreper e PE per misure anti-frode più efficaci
Gozi: “Lo scambio di informazioni è lo strumento più importante nella lotta contro le frodi doganali”

Il Comitato dei rappresentanti permanenti (Coreper) ha approvato un accordo con il Parlamento europeo volto a migliorare il funzionamento del sistema antifrode in campo doganale. Le norme attuali vengono aggiornate al fine di rafforzare la cooperazione tra le autorità doganali e dunque accrescere la sicurezza della catena di approvvigionamento a livello europeo e nazionale. Ciò proteggerà maggiormente gli interessi finanziari dell’Ue e dei suoi Stati membri dalle frodi doganali e altre violazioni della normativa doganale e agricola.

Il Segretario di Stato con delega agli Affari europei, Sandro Gozi, ha dichiarato: “La Presidenza italiana plaude l’accordo politico raggiunto quest’oggi in merito allo strumento che più di ogni altro permetterà alle autorità doganali nazionali e alla Commissione di svolgere il proprio ruolo nella lotta contro le frodi, tutelando così gli interessi finanziari dell’Ue e accrescendo la sicurezza della catena di approvvigionamento internazionale. Il nuovo regolamento renderà lo scambio di informazioni più efficace, segnatamente attraverso la creazione di un nuovo database costantemente aggiornati al fine di identificare eventuali nuove modalità di frode. I negoziati che hanno portato all’accordo odierno sono stati complessi ma sono convinto che il risultato conseguito sia valso l’impegno profuso dal Consiglio e dal Parlamento”.

Per maggiori informazioni: Consiglio dell’Unione europea

 

Ultimo aggiornamento: venerdì 19 dicembre 2014