Post
Ue unita su Net neutrality, sul roaming nessun rinvio
Pacchetto Tsm, dichiarazione del sottosegretario alle Comunicazioni Antonello Giacomelli

La Presidenza italiana del Consiglio Ue apprezza la collaborazione dimostrata dagli Stati Membri per la costruzione di una posizione comune sul pacchetto Tsm (Telecom single market). 

Le delegazioni hanno condiviso l’intenzione di approdare a un testo condiviso sul tema della Net neutrality, considerato di fondamentale importanza per lo sviluppo di Internet come spazio di libertà e di opportunità per tutti. La Presidenza italiana intende verificare il consenso su una proposta che, riaffermando il principio, arrivi alla declinazione più avanzata possibile. 

La Presidenza italiana non ha proposto alcun rinvio della fine del roaming e, anzi, intende arrivare a fissare nel testo una data certa: a questo scopo sta cercando di favorire il migliore punto di sintesi tra le diverse posizioni. L’idea di introdurre una clausola di “fair use” è stata giudicata da tutti gli Stati membri positivamente ma richiederà un ulteriore approfondimento.

Ultimo aggiornamento: venerdì 26 settembre 2014